ZES e Bonus Sud: cambiato il modello di comunicazione del Credito di Imposta

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato, con provvedimento n.291090, il modello di comunicazione per richiedere l’autorizzazione alla fruizione del credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, aree Zes.  Sul modello di domanda nel quadro B è presente un nuovo riquadro per l’indicazione degli investimenti nelle aree ZES realizzati dal 1° giugno 2021, data di entrata in vigore decreto-legge n. 77 del 2021, con cui è stato elevato il limite massimo del costo complessivo agevolabile di ciascun progetto da 50 milioni di euro a 100 milioni di euro ed estendendo la misura agevolativa all’acquisto dei beni immobili strumentali.

Tuttavia, pur considerando che gli investimenti in immobili strumentali saranno ammissibili a far data dal 01/06/2021 per interventi realizzati entro il 31/12/2022, l’Agenzia delle Entrate non ha ancora fornito una definizione chiara di immobili strumentali, determinando potenziali rischi di inammissibilità e di insussistenza dei requisiti di accesso. È auspicabile, pertanto, attendere i necessari chiarimenti per poi procedere, tramite l’assistenza di un esperto di PJ Consulting, con la trasmissione del nuovo modello utilizzando la versione aggiornata del software denominato “Creditoinvestimentisud” presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Contatti

Investimenti in aree ZES. Credito d’imposta esteso agli immobili

Se la tua impresa ha sede operativa nelle Aree ZES – in Puglia, Campania, Calabria, Basilicata e Molise – ha acquistato capannoni e macchinari, o intende farlo entro il 31 dicembre 2022, può accedere alle agevolazioni previste dal Decreto Semplificazioni 77/2021 e beneficiare degli incentivi del credito d’imposta investimenti.

Con l’intento di attrarre anche grandi investitori, passa da 50 a 100 milioni di euro il credito di imposta per gli investimenti in beni strumentali nelle aree ZES e, vera novità, viene esteso anche agli immobili strumentali all’attività d’impresa, presenti o da costruire nell’area.
Inoltre l’agevolazione, destinata alle imprese di tutte le dimensioni, è cumulabile con i benefici del credito d’imposta per investimenti in beni strumentali 4.0. assicurando così una agevolazione che può arrivare, nel 2021, sino al 95% dei costi sostenuti/da sostenere.

Il Decreto Semplificazioni tra le novità per le Aree ZES prevede anche un’autorizzazione unica che concentra tutti gli atti di assenso e nullaosta, facilitando così l’iter di insediamento delle imprese.
Dunque procedure più semplici e agevolazioni fiscali per rendere attrattivi gli investimenti, velocizzare e semplificare lo sviluppo delle Zes.

Se la tua impresa è già localizzata o intende insediarsi in area Zes, contattaci per una valutazione gratuita del tuo progetto di investimento e per accedere con sicurezza alle agevolazioni.

 

 

 

 

CONTRATTI DI PROGRAMMA PUGLIA

Contributi a Fondo Perduto per Grandi Programmi in Attivi Materiali ed Immateriali, progetti di R&S e Servizi di Consulenza all’Innovazione ed Organizzazione Aziendale.

Continue reading

DECRETO CURA ITALIA. CONTRATTI DI SVILUPPO. IN ARRIVO 400 MILIONI.

Importante ulteriore stanziamento di fondi per i Contratti di Sviluppo MISE.

Continue reading

Zone Economiche Speciali (ZES) e Zone Logistiche Semplificate (ZLS)

misure legge di bilancio 2020 pj consulting

Le misure della Legge di Bilancio 2020.

Zone Economiche Speciali (ZES) e Zone Logistiche Semplificate (ZLS).

Viene esteso ai beni acquisiti entro il 31 dicembre 2022, il credito d’imposta concesso per gli investimenti nelle ZES (già noto come Bonus Investimenti Sud che, dallo scorso settembre, trova applicazione anche nelle zone sismiche e nelle ZES, appositamente individuate dalla normativa).

Per quanto relativo alle ZLS, è previsto che possano istituirsi solo nelle zone più sviluppate, ai sensi della normativa europea, ammissibili alle deroghe di cui all’articolo 107 del TFUE e che abbiano un regime identico a quello previsto per le ZES, estendendosi a tali aree anche i benefici di carattere fiscale previsti originariamente solo in capo alle ZES.

Attinenti alle ZES ed alle ZLS sono anche gli stanziamenti per Marebonus e Ferrobonus ai quali vengono rispettivamente concessi 20 e 14 mln per il 2020 (per il Ferrobonus, si aggiungono 25 mln nel 2021).

Per informazioni e contatti info@pjconsulting.eu oppure 0809727022

 

Credito d’Imposta Investimenti Sud

Le misure della Legge di Bilancio 2020.

Credito d’Imposta Investimenti Sud

Dallo scorso settembre appare, in effetti, inappropriato continuare a chiamarlo così perché con esso è stato possibile agevolare l’acquisizione di beni strumentali nuovi anche nelle aree ZES e nei territori colpiti dal sisma del 2016.

Titoli a parte, lo strumento che ha dato una spinta all’industria viene prorogato:

  • Al 31/12/2020 per le aree cosiddette meno sviluppate del Sud
  • Al 31/12/2020 per i comuni di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dagli eventi sismici succedutisi dal 24 agosto 2016
  • Al 31/12/2022 per le aree ZES

L’incentivo consente di ottenere incentivi fino al 45% a fondo perduto sugli investimenti realizzati a far data dal 01/03/2017 (Attenzione! Gli investimenti realizzati dal 01/01/2016 al 28/0/2017 rientrano nella vecchia disciplina e godono di agevolazioni diverse).

Per informazioni e contatti info@pjconsulting.eu oppure 0809727022