Mise: pubblicato il bando per la realizzazione di progetti pilota

Valorizzazione delle risorse naturali, culturali e del turismo sostenibile, transizione ecologica, autoimprenditorialità e riqualificazione delle aree urbane e delle Aree Interne, realizzazione e ammodernamento di infrastrutture pubbliche: sono i progetti di investimento che beneficeranno delle agevolazioni previste dal bando sui progetti pilota innovativi a cui possono partecipare le PMI e gli enti locali.

Il bando, pubblicato dal Mise con l’intento di favorire la promozione e lo sviluppo del sistema produttivo sul territorio nazionale, prevede una dotazione finanziaria di 100milioni di euro e stabilisce i termini e le modalità per la richiesta dei contributi agevolativi per progetti pilota finanziabili con un ammontare massimo di 10milioni di euro.

Tra gli interventi ammissibili: progetti di investimento, avviamento, innovazione, nonché i progetti di investimento nel settore della produzione agricola primaria, della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e nel settore della pesca e dell’acquacoltura.

La domanda dovrà essere presentata dai responsabili dei Patti Territoriali ancora operativi, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto, entro il 15/02/2022.

Una commissione tecnica valuterà i progetti pilota secondo criteri e punteggi stabiliti con decreto. Il soggetto gestore sarà Unioncamere.

Per informazioni e approfondimenti, contattare un manager di PJ Consulting.

Contatti

Brevetti+, Disegni+, Marchi+: pubblicati i bandi per 38 milioni di euro

Pubblicati i bandi per la concessione delle misure agevolative Brevetti+, Disegni+ Marchi+.
Ammontano a 38 milioni di euro le risorse assegnate e così suddivise per assicurare continuità al sostegno delle micro piccole e medie imprese
su tutto il territorio nazionale per la valorizzazione dei titoli di proprietà industriale.

Misura Brevetti+: € 23.000.000 
Misura Disegni+: € 12.000.000 
Marchi+: € 3.000.000

Brevetti+ 
L’incentivo a fondo perduto, erogato in Regime De Minimis, prevede fino all’80% di agevolazioni a fondo perduto per MPMI.
Sono ammesse le spese per servizi specialistici funzionali alla valorizzazione economica del brevetto, in particolare per l’industrializzazione e l’ingegnerizzazione, per le attività di organizzazione e sviluppo e per il trasferimento tecnologico. L’agevolazione massima è di € 140.000.

Le domande di agevolazione possono essere presentate, esclusivamente per via telematica, attraverso il portale del Soggetto Gestore, alle ore 12.00 del 28/09/2021.
Consulta la scheda completa Brevetti+

Disegni+
Contributo a fondo perduto erogato in Regime De Minimis, destinato a supportare le MPMI che intendono valorizzare, attraverso l’acquisizione di servizi specialistici, i disegni e modelli registrati di cui sono titolari, in una o entrambe le fasi di produzione e  commercializzazione sul mercato di nuovi prodotti correlati al disegno/modello, con un’agevolazione massima ammissibile di € 60.000 e non può superare l’80% dei costi ammissibili.

Le domande di agevolazione possono essere presentate, esclusivamente per via telematica, attraverso il portale del Soggetto Gestore, alle ore 9.30 del 12/10/2021.
Consulta la scheda completa Disegni+

Marchi+
Incentivo, come i precedenti, a fondo perduto in Regime De Minimis, destinato a supportare le MPMI nella tutela dei marchi all’estero presso Euipo e/o Wipo (Ompi).
È possibile presentare domanda per le spese sostenute nell’ambito della registrazione di marchi a livello europeo e/o internazionale, effettuate dal 1°giugno 2018,  che includono la progettazione grafica, l’assistenza legale per la tutela, l’assistenza al deposito, le ricerche di anteriorità e le tasse di registrazione. L’agevolazione è concessa fino all’80% (fino al 90% per USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio.

Le domande di agevolazione possono essere presentate, esclusivamente per via telematica, attraverso il portale del Soggetto Gestore, alle ore 09:30 del 19/10/ 2021.
Consulta la scheda completa Marchi+

Per una valutazione preliminare dei requisiti di accesso e la predisposizione dell’istanza, contatta un manager di PJ Consulting.

Contatti

Operativo il Fondo per la realizzazione degli Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo

Ammonta a 1,7 miliardi di euro il Fondo a sostegno della realizzazione degli Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo (IPCEI) attivato ufficialmente dal Mise.

A favore di progetti strategici di imprese italiane coinvolte in attività di ricerca, sviluppo e innovazione nei settori della microelettronica, delle batterie e del calcolo ad alte prestazioni, il fondo è stato istituito per rafforzare la competitività dei settori strategici dell’industria nazionale ed europea attraverso una forte integrazione tra le filiere dei Paesi membri dell’UE.

Verranno finanziati anche ulteriori progetti di prossima approvazione dall’Unione europea nei settori dei microprocessori, idrogeno e salute.

La procedura di ammissione prevede una selezione preliminare, da parte del Ministero dello sviluppo economico, delle proposte e dei soggetti interessati alla costituzione di un IPCEI, per l’individuazione dei contenuti dell’iniziativa e dei partecipanti alla stessa ai fini della successiva fase di notifica alla Commissione Europea.

Possono beneficiarie delle agevolazioni le imprese di qualsiasi dimensione, destinatarie degli aiuti di Stato, e gli organismi di ricerca, individuati nell’ambito di un IPCEI oggetto di notifica alla Commissione europea.

Successivamente all’autorizzazione europea degli aiuti di Stato a sostegno di un IPCEI, per l’accesso ai benefici del Fondo, i soggetti ammessi allo specifico intervento sono invitati a presentare l’istanza.

Per partecipare è possibile presentare la manifestazione di interesse ai fini della costituzione di uno specifico IPCEI.

Per ulteriori informazioni, scrivi a: info@pjconsulting.eu

Riapertura dello sportello della Nuova Sabatini

Pj Consulting Apertura sportello Nuova Sabatini

Ammontano a 425 milioni di euro le risorse finanziarie stanziate con il Decreto direttoriale del Mise del 2 luglio 2021 per la riapertura dello sportello delle domande di contributo della Nuova Sabatini, l’agevolazione destinata a sostenere le PMI per acquistare o acquisire in leasing beni strumentali. A queste, si aggiungeranno ulteriori risorse previste nel prossimo disegno di legge di assestamento di bilancio, per un finanziamento complessivo per oltre 600 milioni di euro.

Le domande di accesso potranno essere inoltrate con richiesta di prenotazione dal mese di agosto 2021. Saranno incluse anche le domande presentate dalle imprese alle banche o intermediari finanziari in data antecedente al 2 giugno 2021 e non incluse in una richiesta di prenotazione delle risorse già inviata dalle medesime banche o intermediari finanziari al Ministero dello sviluppo economico.

Le richieste di prenotazione del contributo per le domande presentate in data antecedente al 2 giugno 2021, successivamente trasmesse al Mise entro il 7 giugno 2021 e non accolte, anche in maniera parziale per esaurimento delle risorse disponibili, avranno priorità e potranno essere soddisfatte nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione.

Semplificate anche le procedure di erogazione dei contributiche consentono di accelerare i pagamenti per tutte le Pmi beneficiarie delle agevolazioni, indipendentemente dalla data di presentazione della domanda e dall’importo del finanziamento.

Per le domande trasmesse in data antecedente al 01.01.2021, per le quali sia stata già erogata in favore delle Pmi beneficiarie almeno la prima quota di contributo, il Mise può procedere, secondo criteri cronologici, ad erogare le successive quote in un’unica soluzione, anche se non espressamente richieste dalle imprese beneficiarie e previo esito positivo delle verifiche amministrative a cui è subordinato il pagamento.

Per informazioni e accesso all’agevolazione, contatta PJ Consulting 

MISE. BANDO MACCHINARI INNOVATIVI

Incentivi alle PMI delle Regioni del Sud che realizzano investimenti in immobilizzazioni materiali ed immateriali volti alla trasformazione tecnologica e digitale prevista dal Piano Impresa 4.0.

Continua a leggere

DIGITAL TRANSFORMATION. ITALIA.

Agevolazioni alle PMI italiane, anche in Rete, per l’innovazione dei processi e dell’organizzazione aziendale nonché per gli investimenti materiali ed immateriali e le consulenze connesse.

Continua a leggere