PNRR e Idrogeno: 450 milioni di euro per elettrolizzatori

idrogeno foto pixabay

Idrogeno ed elettrolizzatori: pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 17 giugno 2022 il decreto che dà attuazione all’investimento 5.2 del PNRR.
Ammontano a 450 milioni di euro le risorse a sostegno di progetti finalizzati allo sviluppo della filiera dell’idrogeno verde, elemento fondamentale nel processo di decarbonizzazione dell’industria, dei trasporti e del terziario. Diverse le linee progettuali individuate per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori, i macchinari che consentono di scomporre le molecole di acqua in ossigeno e idrogeno, utilizzando energia pulita da fonti rinnovabili

Il Decreto assegna 250 milioni a progetti IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo) per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori e 200 milioni ad ulteriori progetti che saranno selezionati attraverso avvisi pubblici di prossima pubblicazione, finalizzati alla realizzazione sia di ulteriori impianti per la produzione di elettrolizzatori, sia di impianti per la produzione di componenti a servizi degli elettrolizzatori stessi e progetti di ricerca e sviluppo.

L’obiettivo dell’Investimento 5.2 è di realizzare entro giugno 2026 una filiera tutta italiana con stabilimenti che producano elettrolizzatori e componenti associati, per una potenza complessiva annua di almeno 1 gigawatt, che consentirà di soddisfare la domanda di idrogeno verde.

Per maggiori informazioni e approfondimenti, contatta un esperto di PJ Consulting.

Contatti

"*" indica i campi obbligatori

Consenso privacy*

Operativo il Fondo per la realizzazione degli Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo

Ammonta a 1,7 miliardi di euro il Fondo a sostegno della realizzazione degli Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo (IPCEI) attivato ufficialmente dal Mise.

A favore di progetti strategici di imprese italiane coinvolte in attività di ricerca, sviluppo e innovazione nei settori della microelettronica, delle batterie e del calcolo ad alte prestazioni, il fondo è stato istituito per rafforzare la competitività dei settori strategici dell’industria nazionale ed europea attraverso una forte integrazione tra le filiere dei Paesi membri dell’UE.

Verranno finanziati anche ulteriori progetti di prossima approvazione dall’Unione europea nei settori dei microprocessori, idrogeno e salute.

La procedura di ammissione prevede una selezione preliminare, da parte del Ministero dello sviluppo economico, delle proposte e dei soggetti interessati alla costituzione di un IPCEI, per l’individuazione dei contenuti dell’iniziativa e dei partecipanti alla stessa ai fini della successiva fase di notifica alla Commissione Europea.

Possono beneficiarie delle agevolazioni le imprese di qualsiasi dimensione, destinatarie degli aiuti di Stato, e gli organismi di ricerca, individuati nell’ambito di un IPCEI oggetto di notifica alla Commissione europea.

Successivamente all’autorizzazione europea degli aiuti di Stato a sostegno di un IPCEI, per l’accesso ai benefici del Fondo, i soggetti ammessi allo specifico intervento sono invitati a presentare l’istanza.

Per partecipare è possibile presentare la manifestazione di interesse ai fini della costituzione di uno specifico IPCEI.

Per ulteriori informazioni, scrivi a: info@pjconsulting.eu