C’è tempo fino al 31 gennaio 2022 per richiedere il contributo per le imprese editrici di quotidiani e periodici per la distribuzione delle testate edite, nel rispetto del limite di spesa previsto, pari a 60 milioni di euro.

Possono accedere al credito di imposta le imprese che svolgono attività editoriali con codice Ateco 58.13, edizione di quotidiani e 58.14, edizione di riviste e periodici.

Il credito di imposta riconosciuto è pari al 30% della spesa effettiva sostenuta nell’anno 2020 per le spese di distribuzione e trasporto, incluse le spese di trasporto dai poli di stampa ai punti di vendita, al netto della percentuale di sconto per la rete di vendita del prezzo di copertina.

La domanda da inviare per via telematica deve essere corredata di apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il possesso dei requisiti richiesti, l’ammontare delle spese effettivamente sostenute, la mancata percezione di altre agevolazioni a copertura delle stesse spese. Alla domanda devono essere allegati gli accordi di filiera per la diffusione capillare presso i Comuni sul territorio.

Il credito è utilizzabile esclusivamente in compensazione e il suo ammontare non può eccedere l’importo concesso.