bauhaus europeo

La Commissione ha annunciato nei giorni scorsi tre nuovi bandi per rendere il nuovo Bauhaus europeo (NEB) una realtà sul campo. Il sostegno si rivolge specificamente ai cittadini, alle città e ai comuni per aiutarli a radicare il progetto del nuovo Bauhaus europeo nelle loro comunità. 

Il primo e il secondo bando, lanciati dall’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT), si concentrano su attività che coinvolgono i cittadini e sulla co-creazione di spazi pubblici con il loro coinvolgimento.

Il bando “Citizen Engagement Call” (Coinvolgimento dei cittadini) della comunità dell’EIT invita i cittadini a individuare le sfide inerenti al nuovo Bauhaus europeo per le proprie città e a collaborare a co-idearne le soluzioni. I progetti aiuteranno i cittadini ad adottare abitudini maggiormente sostenibili, a sviluppare prodotti, servizi o soluzioni innovativi e aiuteranno i membri della comunità a essere agenti del cambiamento.

Il bando “Co-Creation of Public Space” (Co-creazione di spazi pubblici) sosterrà progetti volti a trovare soluzioni innovative attingendo alle tematiche del nuovo Bauhaus europeo. I progetti invitano gli attori locali a essere portatori di ispirazione, bellezza e sostenibilità attraverso le proprie idee per riprogettare gli spazi pubblici nelle città, nelle aree urbane e rurali creando nuove soluzioni trasformative. Il termine per le candidature per i due bandi dell’EIT scade il 29 maggio 2022 alle ore 23.59 CEST.

Il terzo e ultimo bando, “Support to New European Bauhaus Local Initiatives” (Sostegno alle iniziative locali del nuovo Bauhaus europeo), fornisce assistenza tecnica ai comuni di piccole e medie dimensioni che non dispongono delle capacità o delle competenze necessarie per trasformare in realtà i propri progetti NEB. Venti progetti concettuali basati sul territorio selezionati nell’ambito dell’invito beneficeranno di un sostegno mirato sul campo fornito da un gruppo di esperti interdisciplinari per definire i concetti sulla falsariga del nuovo Bauhaus europeo e degli obiettivi del Green Deal. Il sostegno della politica di coesione è pertanto inteso a contribuire all’introduzione di un approccio basato sul territorio alle iniziative del NEB a livello regionale e locale e a coinvolgere le autorità pubbliche degli Stati membri nell’avvio a livello nazionale di ulteriori progetti del nuovo Bauhaus europeo.

Le conoscenze e gli insegnamenti tratti durante questo processo confluiranno in uno “strumentario” rivolto ad altri comuni e al grande pubblico interessato a sviluppare nuovi progetti sul campo o a riprodurre i progetti esistenti del nuovo Bauhaus europeo. Il Fondo europeo di sviluppo regionale finanzia l’assistenza tecnica ai comuni; ciò può assumere la forma di consulenze mirate in campo metodologico, tecnico, normativo, finanziario e socioeconomico fornite dal gruppo di esperti sul campo al fine di sostenere l’ulteriore sviluppo di progetti concettuali da parte dei comuni, nonché di uno “strumentario” per i futuri titolari di progetti. Il termine per le candidature scade il 23 maggio 2022 alle ore 17.00 CEST.

Contesto

Il nuovo Bauhaus europeo è un progetto ambientale, economico e culturale che mira a combinare design, sostenibilità, accessibilità (anche sotto il profilo economico) e investimenti per contribuire alla realizzazione del Green Deal europeo.

Lanciato dalla Presidente von der Leyen nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 2020, il nuovo Bauhaus europeo è stato plasmato collettivamente da migliaia di persone e organizzazioni in tutta Europa e oltre.

Per approfondimenti e assistenza tecnica, consulta un esperto di europrogettazione di PJ Consulting.

Contatti

"*" indica i campi obbligatori

Consenso privacy*